giovedì 1 dicembre 2016

Albero di pere e cioccolato per #seguilestagioni

pere e cioccolato


Ci sono cose che restano stampate nella memoria più di altre.
Questo albero di pere, fatto da mia mamma quando io ero bambina, è una di quelle. Ricordo il profumo, ricordo come lo aveva fatto e a quel tempo non c'erano blog, siti, programmi tv di cucina. Si prendevano le ricette dai libri e dalla propria fantasia.

Le pere sono un frutto di stagione e con l'immagine che avevo nella mente di quest'albero è stato automatico sceglierle per il consueto appuntamento di #seguilestagioni 



E' semplicissimo da fare e l'effetto è pazzesco. Può essere un bellissimo centro tavola delle feste.

Ingredienti

10 pere Williams
800 ml. di vino bianco
200 ml. acqua
200 gr. zucchero
200. gr. cioccolato fondente
1 albume
2 stecche cannella
4 - 5 chiodi di garofano
buccia di 1/2 arancia
bacche rosse

Lavate bene le pere. Mettete il vino, l'acqua e lo zucchero in una pentola. Portate a bollore ed aggiungete i profumi: cannella, chiodi di garofano e buccia d'arancia. Lasciate aromatizzare per un paio di minuti, poi abbassate la fiamma e aggiungete le pere. Dieci sono tante e le ho cotte in due volte. Cuocete a fuoco basso per 15 - 20 minuti. Sentite se sono cotte con la lama di un coltello, deve affondare con facilità. Quando sono cotte toglietele dalla pentola con una schiumarola e fatele raffreddare su un piatto.
Fate sciogliere il cioccolato a bagnomaria o nel microonde, a media temperatura e fatelo colare sulle pere. Io ho abbondato. Prima che solidifichi posate le bacche così che il cioccolato le tenga ferme. Per l'effetto neve io ho montato un albume, ma se preferite anche la panna montata va benissimo.
L'abbinamento cioccolato fondente croccante e pera morbida aromatizzata è veramente fantastico !



Decorare su porcellana è il mio lavoro e il piatto che accoglie questa profumata composizione è stato scritto da me




Come sempre vi lascio il promemoria della spesa di dicembre da poter salvare e stampare, questa volta stilato dalla cara Anna di Ultimissime dal forno



Partecipano insieme a me a questo progetto anche:

Anna Marangella - Ultimissime dal Forno
Lucia Locatelli - La gallina Rosita
Simona Milani - Pensieri e Pasticci
Chiara Palombo - GiardiNote 
Lisa Verrastro - Lismary's cottage
Enrica Coccola - Coccolatime
Sabina sala - Due bionde in cucina
Silvia Messina - Vita da Fata Ignorante
Susy May - Coscina di pollo
Alisa Secchi - Alise Home Shabby Chic 
Veronica Effe - S&V a colazione
Maria Martino - La mia casa nel vento


Ci potete trovare anche 

Vi aspetto curiosi al prossimo appuntamento di #seguilestagioni, all'inizio di gennaio ! 



post signature
All photos by Sento i pollici che prudono

lunedì 7 novembre 2016

Zuppa di verza con scamorza dolce per #seguilestagioni

zuppa di verza

Eccoci con un altro appuntamento di #seguilestagioni, slittato di una settimana per delicatezza e rispetto verso tutte quelle persone che in un attimo hanno perso tutto a causa del terremoto.

In questi ultimi mesi la normalità per tante persone è venuta a mancare e in questi giorni di piogge continue e copiose il mio pensiero era rivolto proprio a loro che non hanno più un nido caldo, i propri spazi, le proprie abitudini, niente di niente e penso che sono proprio fortunata e non ho nessun diritto di lamentarmi se piove e mi bagno come un pulcino o se fa freddo. 

Ci possiamo sedere tutti insieme al nostro solito tavolo e godere di una zuppa calda protetti dalle nostre mura e circondati da tutti gli oggetti che sono il nostro passato e la nostra storia. 

Grazie, mille volte grazie

La verza, splendido ortaggio che fa pensare al miracolo per la sua perfezione è la protagonista di questa zuppa.

cavolo

Ingredienti
(per 6 persone)

1 piccola verza 
40 gr. burro
2 spicchi d'aglio
1 cipolla tritata
120 gr. pancetta (a fette o cubetti)
1,5 lt. di brodo vegetale
sale e pepe
6 fette di pane tostato
180 gr. scamorza dolce

Sciogliete il burro in un tegame alto e capiente e soffriggete l'aglio spellato e tritato, la cipolla tritata e la pancetta tagliata a dadini o striscioline finché non sono dorati. Aggiungete la verza tagliata a listarelle e cuocete per 5 minuti con il coperchio, a fiamma bassa. Aggiungete il brodo e cuocete per altri 15 minuti con coperchio inclinato a fiamma media. 
Tostate le fette di pane ed affettate sottilmente la scamorza. Disponete le fette di scamorza sul pane e sistematene una fetta per piatto. Versatevi sopra la zuppa bollente. 

Semplice e di conforto, come piace a me. Veloce da preparare e con pochi ingredienti. 

zuppa di verza

E come per tutti gli altri mesi, anche per questo c'è l'utile lista della spesa redatta da Antonella Manfredi, da salvare e stampare

seguilestagioni novembre


Partecipano insieme a me a questo progetto anche:

Anna Marangella - Ultimissime dal Forno
Antonella Manfredi -  Le Passioni di Antonella
Lucia Locatelli - La gallina Rosita
Simona Milani - Pensieri e Pasticci
Chiara Palombo - GiardiNote 
Lisa Verrastro - Lismary's cottage
Enrica Coccola - Coccolatime
Sabina sala - Due bionde in cucina
Silvia Messina - Vita da Fata Ignorante
Susy May - Coscina di pollo
Alisa Secchi - Alise Home Shabby Chic 
Veronica Effe - S&V a colazione
Maria Martino - La mia casa nel vento


Ci potete trovare anche 

Come sempre fatemi sapere cosa ne pensate e vi aspetto curiosi al prossimo appuntamento di #seguilestagioni, all'inizio di dicembre ! 



post signature

All photos by Sento i pollici che prudono

mercoledì 26 ottobre 2016

Gli anicini e una loro versione modificata


biscotti gocce cioccolato

Poco tempo fa una nostra cara amica ci ha offerto questi biscotti a fine cena e devo dire che ci sono piaciuti davvero tanto.
I maschi di casa mia amano i dolci poco dolci, anche un po' rustici e questi, magari inzuppati,  sono perfetti. 
Se siete alla ricerca di biscotti secchi, semplici e non particolarmente dolci avete trovato la ricetta giusta.

biscotti all'anice


Ingredienti
(per 24 biscotti)

2 uova
150 gr. zucchero
350 gr. farina 00
1 bustina lievito per dolci
1/2 bicchiere d'olio di semi d'arachidi
1 cucchiaino semi d'anice
6 - 8 cucchiai di liquore all'anice


Premetto subito una cosa: gli ingredienti indicati sopra sono quelli per realizzare due filoni di anicini. Io, però, con metà impasto ho fatto i biscotti all'anice (solo i semi, mezzo cucchiaino quindi) e nell'altra metà ho messo gocce di cioccolato (ad occhio) e liquore all'arancia (3 cucchiai) come del resto aveva fatto una volta anche la mia amica.
  gocce cioccolato

Sbattete molto bene le uova con lo zucchero. Aggiungete la farina e l'olio ed infine il lievito, così dice la ricetta e così ho fatto io. Ho visto sul web che altri aggiungono, delicatamente,  farina e lievito setacciati, ma il risultato è perfetto anche senza questa accortezza. I semi io e la mia amica li mettiamo interi, c'è però chi li pesta al mortaio; sprigioneranno sicuramente più aroma. Avendo aggiunto il liquore (all'arancia) solo a metà impasto, l'ho messo alla fine, dopo tutti gli altri ingredienti, gocce di cioccolato comprese, ma se si fanno i biscotti di un solo tipo e si utilizza anche il liquore lo si potrà incorporare dopo aver montato le uova con lo zucchero.
L'impasto ha una consistenza morbida ed appiccicosa. Ungete bene le mani per poterlo maneggiare. Formate due filoncini, adagiateli su una teglia rivestita con carta da forno, schiacciateli leggermente in superficie e infornate in forno già caldo a 180°C per 40 minuti circa o, comunque, fino a doratura (la mia amica mette i due filoncini in due stampi da plumcake per avere biscotti più alti) Sfornate, tagliate a tocchetti, stendete ogni biscotto su un lato e rimettete in forno, ora ventilato, per 3 minuti da un lato e poi girateli sull'altro lato e passate in forno per altri 3 minuti. Sfornate e fate raffreddare. La consistenza ricorderà i cantucci.  Perfetti per l'inzuppo !

biscotti secchi



All photos by Sento i pollici che prudono